Ritratti

Salvatore Garbato: sotto il trucco, il successo

Ha una dote davvero eccezionale Salvatore Garbato, essere bravo dietro e davanti le quinte! E già, nella sua carriera vanta successi sia nel mondo dello spettacolo, sia nel mondo professionale. Un personaggio dalle tante sfaccettature che riesce a passare da addetto ai lavori come truccatore delle star più importanti a protagonista di programmi targati Rai e Sky. Calabrese doc, nato a Corigliano, Garbato affronta il mezzo televisivo con una consumata disinvoltura. Lo ricordiamo nella trasmissione “Una poltrona per due” in onda sul canale tematico Rai Extra, Salvatore impersonava il ruolo, a lui assai congeniale, del grande conoscitore dell’estetica e delle sue regole. Una prova superata con brillantezza assoluta, rubando spesso la scena anche a personaggi più noti presenti nello studio.

L’ho incontrato in questi giorni estivi, il gran caldo non mette a rischio la sua naturale eleganza sempre sottolineata con un tocco vintage. Ha un’allegria contagiosa, un sorriso accattivante e una cascata di riccioli su una faccia da ragazzino che non ci si crede quando parla dei suoi quasi “trent’anni di esperienza”. Del resto è un professionista della bellezza e della cura di sé

!Garbato 1

Andiamo per ordine, visagista richiestissimo e personaggio televisivo, come nasce questa carriera a due vie?

La passione per il trucco nasce in tenera età, alla passione ho affiancato un percorso di studi e di esperienze lavorative. Ho lasciato la Calabria molto presto per Milano, dove ho avuto maestri eccellenti da Diego della Palma a Stefano Anselmo e tanti altri che tuttora ringrazio. Mi hanno insegnato non solo il mestiere ma anche a crescere nella professione.

Grandi maestri di stile!

Sì. Negli anni ’90 Della Palma era già l’idolo delle celebrità, io gli passavo i pennelli, preparavo fard e rossetti. Imparavo il mestiere e intanto ero accanto a Mariangela Melato, Rossella Falck e tante altre donne indimenticabili. Accompagnavo Cannelle (soubrette degli anni ’90) quando faceva shopping in galleria a Milano, era un mondo nel quale ero entrato e coglievo tutte le sfumature che poteva offrirmi.

Un mestiere che non è fatto solo di tecnica?

Assolutamente no, non basta solo saper usare pennelli, creme e ombretti, o avere conoscenze adeguate sul trucco, c’è qualcosa che va oltre la tecnica, che ho imparato nel tempo mettendoci del mio, personalizzando le mie capacità e oggi a distanza di tanti anni posso dire di aver raggiunto un buon traguardo, anche se la ricerca e l’evoluzione in questo campo è continua.

Chi è l’ultima signora dello spettacolo che hai truccato?

Qualche settimana fa Gigliola Cinquetti ha voluto affidarsi alle mie mani in occasione dei festeggiamenti per celebrare i suoi 40 anni di discografia. L’ho incontrata nella sua casa romana, per me è un’icona di classe e raffinatezza che non conosce età

.Garbato

Nel mondo dello spettacolo invece, come sei entrato?

Durante gli anni trascorsi a Roma, era il 1997, ebbi l’onore di conoscere donna Teresita Garibaldi, la nipote dell’“Eroe dei due mondi”, donna di grande spessore e cultura, io sono entrato nella sua casa, ho conosciuto il figlio, col quale è nata una grande amicizia, e tutta la cerchia di persone che frequentava. Lì ho incontrato Maria Giovanna Elmi che sarebbe diventata la mia madrina artistica. Con lei ho cominciato a lavorare per il teatro, per grandi servizi fotografici e poi per la televisione.

In televisione ti abbiamo visto nel ruolo di opinionista di rottura, ti ritrovi?

La mia maniera di pormi, davanti alla telecamera è “simpaticamente enfatizzata” e questo mi rende riconoscibile, pur restando sempre nell’ambito dell’eleganza. Mi piace giocare con ironia e autoironia.

Oggi ti vediamo su Calabria TV e Matrix TV. Hai nuovi progetti televisivi?

In settembre partirà una nuova rubrica “Indiscretamente Garbato” chicche e segreti sulla bellezza.

Com’è il tuo rapporto con la Calabria?

Ho un grande amore per la mia terra. È la patria dei bronzi di Riace, delle città storiche, del mare e della cultura. La gente mi ha compreso e apprezzato anche in tempi in cui la figura del visagista non era ancora conosciuta ai più, e di questo la ringrazio pubblicamente.

Per finire, dicci cos’è la bellezza per te.

È qualcosa che non si misura dai tratti somatici, è un’armonia che arriva da dentro ma che si può acquisire imparando a valorizzarsi con un po’ di buon senso, tanta cura di sé ed evitando ogni eccesso. Una formula semplice che ogni donna può fare sua.

Garbato 4

Intervista uscita su “Il Garantista” del 31 luglio 2015

Sharing is caring!

You Might Also Like...

No Comments

    Leave a Reply