Ritratti

Autunno, la magia degli inizi

Povero autunno! Tutti a maledirlo e a imputargli ogni tristezza e malumore, viene voglia di difenderlo. Non ci aveva forse sfiancato abbastanza il caldo? Ora è il momento in cui le temperature segnano un cambio di passo nell’anno solare. Ci si avvia verso un’atmosfera più interiore di raccoglimento e silenzio, è una stagione introversa, lontana dal frastuono estivo, mette pace e aiuta a raccogliersi nelle riflessioni.

Malinconico? Struggente, piuttosto. La bellezza raggiunge il suo culmine proprio nel momento in cui sta per tramontare, per cedere alla natura e ai suoi ritmi. Perché nessuna bellezza di primavera o nessuna bellezza estiva ha la magia del paesaggio autunnale, quando un vento più fresco anima esplosioni di colori mozzafiato: fiammate di rossi arancio, giallo oro, marroni sfumati e verdi cangianti. L’aria è tersa e frizzante, le piante e il sottobosco umido di pioggia, sprigionano un profumo intenso e inebriante. È come se la natura volesse congedarsi in grande stile regalandoci un finale stupefacente prima dei grigiori invernali.

Anche le città hanno il loro fascino in autunno, meno turisti per le strade e gli edifici sono più in mostra, nelle vie del centro tutto rallenta, tutto si calma, la città è più tua. Puoi indugiare per angoli e luoghi che non conoscevi, comprare le caldarroste per strada o entrare in un caffè bere qualcosa di caldo, concederti una fetta di torta e godere della compagnia di qualcuno di caro a cui confidare i segreti più riposti, perché i vetri appannati proteggono dagli sguardi e rendono complice l’atmosfera.

E poi in autunno, riscopri il piacere di stare a casa, ti viene voglia di risistemare tutto, buttare via quello che non serve, riordinare quei cassetti che non si aprono più e vestire la casa secondo le stagioni. Puoi aprire quegli scrigni rimasti chiusi per mesi dove gli oggetti di casa riposano aspettando il proprio momento di gloria, ora ne tiri fuori plaid di lana, zucche, candele, melograni, castagne, e metti via le conchiglie, le stelle marine, la sabbia e i parei. Poi sarà la volta delle statuine del presepio, delle luci di Natale, del muschio e della carta da regalo e poi i coriandoli e le maschere di carnevale e così via in un gioco continuo.

Niente tristezza allora, perché l’autunno è la stagione dell’avvio. È adesso che comincia davvero un anno nuovo, il momento migliore per pensar a quanto fatto finora e a quanto fare d’ora in poi. Questa stagione apre nuove vie e la mente comprende con chiarezza che è un tempo fecondo, in cui tutto può ancora accadere, basta aver fede nella magia degli inizi.

foglie-autunno

caminetto-autunno

candele-decorate-autunno

autunno_caldarroste

Sharing is caring!

You Might Also Like...

No Comments

    Leave a Reply