Ritratti

50, finalmente si viaggia leggeri

Quest’anno si è compiuto il mio mezzo secolo di permanenza nel mondo e, comunque sia andata, va bene così. Tuttavia, so per certo che il resto del viaggio che dovrò compiere sarà preferibile farlo alleggerendosi un po’ dai pesi inutili. Gli anni avanzano, appunto, e le forze e la pazienza diminuiscono, e poi ho imparato che viaggiare leggeri è una gran cosa perché il miglior futuro possibile poggia sul passato dimenticato. Per cui lascio andare i dolori, la solitudine degli abbandoni, il tormento del dover fare, del dover essere, del dover dimostrare. Invecchiare per me, significa eliminare tutti i travestimenti e le maschere che ho dovuto usare nel tempo per aderire a un modello vagheggiato e inseguito, nell’illusione di trovare consenso da parte di persone e ambienti che in fondo non mi corrispondevano.

I 50 voglio che siano l’occasione per scrollarmi di dosso dubbi e inibizioni e accettare di essere come sono. Mi prendo il privilegio di abbandonare la paura, di accettare con ironia e indulgenza i miei limiti senza temere il giudizio degli altri. Mi tengo stretti gli affetti, le persone che amo, i piccoli rituali di felicità, vivo nel presente e mi lascio guidare dalla dimensione estetica che per me è dimensione esistenziale. In questa epoca della vita fa buio presto ed è un peccato non godersi il sole.

Festa

50 anni

tramonto-sole-graminacee

 

 

 

Sharing is caring!

You Might Also Like...

No Comments

    Leave a Reply